Spazio, ultima frontiera.
+39 320 75 45 533
depistaggio@demeb.org

Antipodi

Antipodi

Non me ne voglia la gente perbene, ma qui non c’è poi così tanto da dire anche se si potrebbe scrivere talmente tanto da dover sostituire la tastiera… è che l’insulto a chi se lo merita o la bestemmia quotidiana è la verità del comune linguaggio sociale, nulla a che vedere con quello istituzionale fatto di orpelli, cortesie e sfanculate generali. Orsù gente, qui c’è da macinare il grano e nulla di ciò è contestabile a meno che non sia iperreale, ovvero come la scarsità degli oggetti compresi nell’area dell’attivismo di massa: movimentismo concorrente.

A pensar che esiste l’esistenzialismo esistenziale, e certe volte diventa pure esistenzalista, ti vien da pensare se il pensiero sia pensato oppure buttato lì a caso con grandi parole che per casistica fanno sia casino che bell’impressione… lasciatemi la licenza poetica, anch’essa conseguita con una sufficienza risicata.

Senza nulla dire, senza nulla fare, ho diritto anch’io all’espressione del flusso di pensieri. O no? Si, ma già in queste poche righe cosa ho realmente detto? Cosa ho realmente espresso? Non saprei descriverlo e neanche riscriverlo in maniera o alla maniera, perché basta così poco per cambiare il significato al significante: una cosa insignificante insomma. Urlate alla luna, urlate al sole, urlate a tutte le altre fottutissime stelle del firmamento che anche voi, come me, non avete capito il perché.

Ma poi diciamocelo cosa c’è in realtà da capire se non il nulla, si, il nulla… c’è il nulla da capire. Fatevi una domanda o meglio: provate ad immaginarvi il nulla… com’è fatto? Non lo potete sapere, non avete l’esperienza per saperlo, anche se la vostra immaginazione riesce ad andarvi vicino non sarà mai il nulla, perché esso non è.

Agli Antipoti puoi celare la retrocrazia ma se nulla si muove ha già creato il concetto da esso deprecato nel contesto delle grandi società, è emozionante il come tutto si trasformi nella tensione di dare un senso statico alla massa per poi implodere nel cieco andare, tante creazioni riversate nel movimentismo concorrente… non me ne voglia la gente perbene se alla fine non ho fatto altro che scrivere del nulla, un chiodo storto: senza senso.

Mi dileguo, Ciao Individui.