Spazio, ultima frontiera.
+39 320 75 45 533
depistaggio@demeb.org

Thompson Relax (ovvero del quando i cani abbaiano)

Thompson Relax (ovvero del quando i cani abbaiano)

La vita non è fatta solo di persone brave o cattive, esistono, infatti, anche le persone di mezzo, cioè quelle che non sono cattive, per carità, ma non sono neanche quegli stinchi di santo che vogliono far credere di essere. Loro sono i primi a chiederti scusa se per sbaglio ti urtano quando si sta facendo la fila al bar, ma sono anche i primi che verrebbero lì a sgozzarti, se per caso gli tagli la strada o gli vai a spiegare qual è la verità dei fatti.
Ma con questo cosa avrò voluto dire secondo voi? La risposta è semplice, niente, assolutamente niente. Non è che volessi dire niente di importante e forse la parola chiave da usare per tradurre tutto questo sproloquio è proprio il Thompson Relax; un concetto punkatartico, a volte gioioso e a volte (e non avvolte) penoso, a volte veloce e a volte (ripeto non avvolte) immobile.
È quello che tutti aspettano almeno una volta nella vita, ma che non hanno il coraggio di pensare.
È quella parte di te che non ti fa alzare la mattina, non ti fa lavare i denti, non ti fa tirare lo sciacquone dopo che sei stato a pisciare e che ti fa mandare a fanculo tutti quelli che incontri e che quasi accennano ad un saluto.
È quello che sei veramente, ti arriva fino in fondo e strappa quella tua parte nascosta annidata nelle viscere più profonde della tua anima, la guarda, ci caga sopra ed esclama “oggi ho fatto proprio un buon lavoro”.
È il tutto e il niente, è l’essere o l’avere, è il dare o ricevere, o invece è solo una gran cazzata.
Questo è quanto, dovrei aver detto tutto, ma alla fine non è che volessi dire molto…anzi si, un ultima cosa va detta; come direbbe un Platone dei giorni nostri, nato negli anni 80: “se la vita ti riserva limoni, bhè, cazzi tuoi.”.

Uh! Ah! Thompson Relax.