Spazio, ultima frontiera.
+39 320 75 45 533
depistaggio@demeb.org

Il Razzista che c’è in Me

Il Razzista che c’è in Me

Leggo in ogni dove sentenze xenofobe e ciò mi fa vomitare, quasi non m’è rimasto neanche il succo gastrico da buttar fuori. Allora mi chiedo: perché in questi tempi moderni esistono ancora persone così ignoranti e subdole? Perché ancora non si comprende l’importanza strutturale della condivisione e della mescolanza? Perché la gente non capisce che se il fottuto ossigeno non si mescola col fottuto idrogeno la fottuta acqua non potrebbe esistere? Beviti la merda! Ma non sarebbe neanche possibile, nella merda c’è l’acqua, dappertutto c’è l’acqua, l’acqua è vita!

Senza la mescolanza l’acqua non esisterebbe e quindi neanche tu, xenofobo testa di cazzo che non sei altro. Tu devi esser grato alla mescola!

Poi arriva il genio che parla della razza… la razza …mi vien da piangere, ma ci rido sopra, che è l’unico modo per seppellire questa ignobile scelleratezza. “Arabi del Cazzo” allora usa i fottuti numeri romani e non rompere i coglioni imbecille. “Negri di Merda” … scedi da quel cazzo di piedistallo e vai a chiedere SCUSA per quello che la tua razza ha fatto e sta facendo da secoli alla Madre Africa. Potrei andare avanti all’infinito ma credo di aver usufruito già di troppe imprecazioni.

Mi sono sfogato, sto meglio, sono più tranquillo, mi dileguo: Ciao Individui.