Spazio, ultima frontiera.
+39 320 75 45 533
depistaggio@demeb.org

Facoltà di Lettere

Storia Lieta Senza Fine (nel quando e nel dove)

Quel giorno mi disse “sei un ragazzo bellissimo” “Ah si? Grazie” “Non è vero” “Ah” “la prima volta che ci siamo sentiti al telefono mi sembravi più peloso” Punti di vista Non tutte le storie hanno un lieto fine Qualcuna neanche inizia. Una mattina mi svegliai presto per andare al mare ma appena mi vide…
Read more

Muri di Cartone

Era una cupa e piovosa domenica d’autunno, in un posto che poteva essere Budapest o Parigi o magari Anghiari, un giovane passeggia col capo chino per i marciapiedi bagnati, da una finestra poco più in là sente una musica flebile provenire dal giradischi della casa, un tonfo sordo spezzò la melodia. Non piangete per me,…
Read more

Ciabatte

La sapienza è nell’aldilà delle cose il grande gioco delle carte, remunerato dal fatto stesso che il nulla cosmico s’impone del quotidiano come la spada di damocle sul capo chino d’un attempato signorotto di provincia. Questo gioco degli scacchi rievoca l’ancestrale battaglia per la sopravvivenza stessa della cultura generalista combattuta sul terreno degli equivoci: gli…
Read more

Duri i Bianchi

Il contesto non è che la solita provincia, la provincia Marchigiana, terra di storica accoglienza e di gente che non vorresti alla porta, ma questo è un altro discorso che faremo forse in altra sede e se lo volete portare avanti, la nostra risposta è fatevi i cazzi vostri; Dicevamo dell’accoglienza: Le Marche sono una…
Read more

Sognando Milwaukee

Tu volevi che io fossi come te, foto in bianco e nero, le guardo e non c’ero. Sai non ne uscirai, entra pure e poi balla con chi vuoi; il mio motto è mangia finché c’è. Bevi per amare, non per dimenticare: quello che farai, non ti perdonerai. Droghe nel bicchiere forse, tutte le sere;…
Read more

Burning Banner

Questa volta siamo arrivati prima degli Americani, il nostro Magnate lo abbiamo eletto per la prima volta nel lontano 1994, quelli al di là dell’oceano hanno atteso fino al 2016; e pensare che quel coglione di Vasco Rossi cantava “Non siamo mica gli Americani”. In questa parte del mondo siamo abituati all’orrore politico, di là…
Read more

Tallone da Killer

Immaginatevi un pezzo di legno, immaginatevi di tenerlo ben saldo nelle vostre mani e immaginatevi di spaccarlo in testa al primo imbecille che passa. Ci siamo? Ma facciamo qualche passo indietro..ehi Johnny ci sei? Tutto apposto? Ok. allora stavo dicendo… ah si: Vi svegliate la mattina, già maledicendo solamente il fatto che vi siete dovuti…
Read more

Sembrava un Accordo

La gioia della liberazione è una delle sensazioni più viscerali e potenti che esistano in natura, un diamante che pochi riconoscono come tale data la grande ed esasperata dote di rimorso che una certa cultura religiosa ha imposto sui nostri capi, riconoscere, risollevarsi e ribellarsi a questa dote è di vitale importanza. Ci vuole coraggio…
Read more

Betelgeuse

(La bellezza al di là del niente) Esplode….la vedi? No L’urlo della tigre squarcia il velo nero dell’universo. Esplode, brilla….la vedi? No La magia di una notte, piccole luci ballano sotto il tetto del mondo. Crescono, si diramano in tanti piccoli pensieri, tutti uguali, ma mai piacevoli. Esplode, brilla, arriva….la vedi? No L’esplosione, la forza…
Read more

Thompson Relax (ovvero del quando i cani abbaiano)

La vita non è fatta solo di persone brave o cattive, esistono, infatti, anche le persone di mezzo, cioè quelle che non sono cattive, per carità, ma non sono neanche quegli stinchi di santo che vogliono far credere di essere. Loro sono i primi a chiederti scusa se per sbaglio ti urtano quando si sta…
Read more

La Guerra al Contrario

“(…)Gli aerei americani, pieni di fori e di feriti e di cadaveri decollavano all’indietro da un campo di aviazione in Inghilterra. Quando furono sopra la Francia, alcuni caccia tedeschi li raggiunsero, sempre volando all’indietro, e succhiarono proiettili e schegge da alcuni degli aerei e degli aviatori. Fecero lo stesso con alcuni bombardieri americani distrutti, che…
Read more

Guerra

E se quando poi lo senti nello stomaco, il formicolio del ginocchio eppure ripeto l’azione. So, non so, è lo senti nello stomaco, il formicolio del ginocchio eppure ripeto l’azione. Si, ma, credo lo senti nello stomaco, il formicolio del ginocchio eppure ripeto l’azione. Oppure io lo sento nello stomaco e scricchiola il ginocchio: ripeto…
Read more

Luglio, Agosto, Settembre (Nero)

Oggi come allora, il problema rimane, il problema di un popolo la cui terra è stata sottratta per volere di un alto consiglio, il problema di un popolo segregato da un altro popolo che fu segregato. La storia si ripete. area International POPular Group Amore mio Con la pace ho messo i fiori dell’amore davanti…
Read more

ALABARDA SPAZIALE!

Panta Rei, tutto scorre ed io, come altri, sto qui a disegnare e scrivere, fregnacce e cose apparentemente serie che poi col tempo si rivelano fregnacce. Mi guardo intorno e vedo lo sfacelo più totale, mancanza di voglia, voglie, vita e vite come un buco nero che ingiotte tutta la luce che si prova a…
Read more

Lo stato dello Stato

Tutti stanno dalla parte di qualcuno che non sta dalla sua parte, è questo lo stato dello Stato in Italia, il popolo beone (io in prima linea) rimane sopito dalla ritrovata calura estiva e si gode (si fa per dire) le meritate ferie e minimamente si cura dello stato dello Stato; Ahhh… il Sole: Che…
Read more

Il Razzista che c’è in Me

Leggo in ogni dove sentenze xenofobe e ciò mi fa vomitare, quasi non m’è rimasto neanche il succo gastrico da buttar fuori. Allora mi chiedo: perché in questi tempi moderni esistono ancora persone così ignoranti e subdole? Perché ancora non si comprende l’importanza strutturale della condivisione e della mescolanza? Perché la gente non capisce che…
Read more

Lettera Aperta

Una bella busta bianca mi attendeva nella cassetta. Non mi cercava nessuno in particolare, era solo una bolletta. Mi cercava qualcuno in particolare, sono alla canna del gas: la solita sfiga di conoscere solo gente che vuole soldi da me, ho pagato le bollette, ora voglio un paio di tette.

Antipodi

Non me ne voglia la gente perbene, ma qui non c’è poi così tanto da dire anche se si potrebbe scrivere talmente tanto da dover sostituire la tastiera… è che l’insulto a chi se lo merita o la bestemmia quotidiana è la verità del comune linguaggio sociale, nulla a che vedere con quello istituzionale fatto…
Read more

La Metodologia dell’Assenso

Introduzione alla Critica C’è chi va a fare i servizi sociali, chi fa un’indianata, chi dorme sotto i ponti e chi lo fa sotto lo stato di grazia, c’è chi si ribalta dalle risate e chi promette ottanta euro a caso. C’è invece chi fa le veci delle feci, una salmastra landa purpurea data come…
Read more

Monologo sulla base del Nulla

Quando mi chiedono che lavoro faccio rispondo sempre “il Disegnatore” ma non perché io lo sia di professione ma perché so do poterlo esser veramente di professione, in realtà sono un disoccupato tutto fare che disegna per il suo fottuto Blog che non legge nessuno, dovrei farmi delle domande e darmi delle risposte (come dice…
Read more

dell’Omicidio Accidentale (?)

Il Silenzio, chi non lo brama? Quella pace che pervade la stanza, l’appartamento, la casa, quella prodigiosa assenza di rumore che ti permette di usufruire del cervello senza lo stress dato dall’eccessiva concentrazione. Chiariamoci, non dico che il concentrarsi è sbagliato, ma quando devi farlo anche per fare le cose più elementari, significa che c’è…
Read more